Vai ai contenuti. | Spostati sulla navigazione

Home Schede reperti Collezione calchi eg... Calchi del Museo Arc... Calco del bassorilievo di Psammetico - Nefersamon
Vai su di un livello
Oggetto archeologico

Calco del bassorilievo di Psammetico - Nefersamon


Calco del bassorilievo di Psammetico - Nefersamon

Dell'origine di questo calco abbiamo una testimonianza diretta dallo stesso Vassalli che nell'opera  I Monumenti istorici egizi così descrive il frammento di architrave, rinvenuto nell'area del tempio di Ptah a Menfi, da cui è stato riprodotto il calco: "...su uno di questi (architravi) è rappresentato lo jerogramante Psammetico dinnanzi al quale stanno delle donne, che gli offrono collane con vari altri ornamenti...". Il reperto da cui ha avuto origine il calco, datato all'epoca saitica, venne scoperto nel 1860 da A. mariette a Mit-Raina, villaggio a circa 25 km a sud del Cairo dove si trovano i resti dell'antica Menfi. Lo scriba Psammetico - Nefersamon è rappresentato seduto su un alto seggio con gambe zoomorfe, è abbigliato con lo shendyt e porta una parrucca liscia e rigonfia nella parte posteriore. Egli porta in mano due simboli di nobiltà e potere: un lungo bastone nella mano sinistra e una stoffa ripiegata nella destra. Il titolo di scriba e il nome sono riportati nella colonna di geroglifici posta davanti a lui. La scena raffigurata prosegue con l'esposizione delle offerte per Nefersamon: un gruppo di ampie collane e contrappesi disposti su due registri, dietro i quali è raffigurato uno scriba seduto nell'atto di registrare le offerte e definito dai geroglifici sopra la sua testa come "scriba dell'oro". 

La seconda parte della raffigurazione è occupata da una processione di personaggi che recano in dono alcuni gioielli. La teoria di offerenti è composta da tre gruppi: il primo e il terzo costituiti da un uomo con cranio rasato e da una donna con tratti negroidi, probabilmente di origine nubiana, che tengono tra le mani un'ampia collana, mentre il gruppo centrale è formato da due donne, anch'esse recanti gioielli. Tra le due figure che compongono ciascun gruppo è presente una colonna di testo in cui è scritto "portare oro" e che costituisce la didascalia della scena. (F.S.)

Ulteriori informazioni
Oggetto
  Definizione: -------------------------
  Classe e produzione: -------------------------
Dati tecnici
  Materia: Gesso
  Altezza: 24
  Lunghezza: 128
Bibliografia
  Bibliografia:

1867, Vassalli L., "I monumenti istorici egizi, il museo e gli scavi di antichità, Milano pp. 54-55

1907, Maspero G., "Le musée egyptien - recuil de monuments et de notices sur les fouilles d'Egypte, Il Cairo, pp. 79-80, pl.XXXV

2011, Scatena F.,"Copia del bassorilievo di Psammetico-Nefersamon" in "Il fascino dell'antico Egitto. Il ruolo dell'Italia pre e post-unitaria nella riscoperta dell'antico Egitto" (catalogo della mostra" a cura di D'Amicone E. e Pozzi Battaglia M., Orvieto, p. 37