Vai ai contenuti. | Spostati sulla navigazione

Vai su di un livello
Oggetto archeologico

Stele


Stele con dio Amon
La grande stele centinata rappresenta come figura centrale il dio Amon seduto su un trono col simbolo dell’unione delle due terre che ne decora la superficie laterale; la rappresentazione torna pressoché identica su entrambe le facce. La raffigurazione del dio è classica: lo raffigura infatti con la tiara sormontata da due alte piume, nelle mani il dio tiene lo scettro uas, caratterizzato dalla terminazione a forcella e dall’impugnatura decorata con una testa di canide, simbolo di potere, e il geroglifico neb che significa “signore” e spesso si trova sotto il grafema che designa un dio. Sopra il segno è raffigurato infatti un piccolo ariete, ipostasi animale del dio, che ne sottolinea la promessa di fertilità. Nella parte alta della stele a seguire la centinatura è rappresentato un disco solare alato circondato da due serpenti ureo. Questo simbolo nasce dall’evoluzione delle ali di falco, simbolo del cielo, con l’aggiunta del sole che diventa protagonista e poi del motivo araldico degli urei che lo connota come simbolo reale; la sua funzione indubbiamente protettiva lo fa collocare principalmente sopra porte e stele. A completare il quadro compositivo della stele è raffigurato un sagittario, piccolo centauro armato di arco, che si trova al centro in basso sotto il trono. Per la posizione e per la qualità del bassorilievo, benché poco leggibile, questo elemento potrebbe ritenersi un’aggiunta posteriore.

L’osservazione del rilievo, in incavo di grande finezza, la composizione semplice ed equilibrata, un certo anelito arcaicizzante unito a un modellato leggermente tondeggiante e a una determinazione fisionomica marcata, come nel caso del mento del dio, indicano come probabile una produzione tarda; la Roullet ha proposto che si tratti una produzione romana di tipo egittizzante. (MPB)

Ulteriori informazioni
Identificazione
  Numero*: 126085, 1951
Precedenti localizzazioni
  Provenienza: Acquisto Barberini
Reperimento
  Reperimento:

Sconosciuto. Probabilmente dal Campo Marzio e precedentemente da Basso Egitto

Oggetto
  Definizione: Stele
  Classe e produzione: Arredi votivi
  Titolo/soggetto: Stele con dio Amon
Cronologia
  Datazione generica: Epoca tarda (probabilmente fra l’Epoca saitica e l’inizio del Periodo tolemaico
Dati tecnici
  Materia: Granito
  Altezza: 240
  Larghezza: 120
  Lunghezza: 19
Bibliografia
  Bibliografia:
  • 1745, Pococke R., “Observations on Egypt”, London
  • 1972, Roullet A., “The Egyptian and egyptianizing monuments of imperial Rome”, in E.P.R.O., Leida, p.80
  • 1994, Lembke K., "Das Iseum Campense in Rom", Hildelberg
  • 2002, Raspi Serra J., “Il Primo incontro di Winkelmann con le collezioni romane”, Roma, p.191
  • 2008, Faedo L., “Storie di idoli e obelischi alle Quattro Fontane. Note sulle antichità Egizie nelle collezioni barberiniane” in “Culti orientali tra scavo e collezionismo” atti del Convegno 23/24 marzo 2006 Istituto Italiano di Studi Germanici, Roma